01/02/2019 – Il Consiglio dell’Ordine ha ottenuto dalla Cassa Forense finanziamenti per euro 42.500,00 per la realizzazione di un progetto di sviluppo tecnologico (informatizzazione dei calendari di udienza presso il tribunale civile di Nocera Inferiore) e di alta formazione (corso sul tema “Salute, ambiente e territorio. Nuove sfide per l’Avvocatura 4.0”)

Il Consiglio ha il piacere di comunicare ai propri iscritti che grazie all’operato della propria Commissione “GiovaniLab”, composta dai Colleghi Antonio Savarese, Francesca Manchia, Carmela Bonaduce, Anna Califano, Rossella Citro, Valentina Cretella, sono stati approvati ben due progetti da realizzarsi nel 2019.

Il primo è un progetto di alta formazione sul tema “Salute, ambiente e territorio. Nuove sfide per l’Avvocatura 4.0”, che ha ottenuto un finanziamento per euro 17.500,00 e troverà prevedibile attuazione entro il mese di maggio corrente anno.

Il secondo è un progetto di sviluppo tecnologico per l’Avvocatura, finanziato per euro 25.000,00, denominato “Just in time 4.0”, che prevede la completa informatizzazione della gestione delle udienze civili del Tribunale di Nocera Inferiore. Verranno, nella prima fase di realizzo, installati diversi monitor, non solo nel corridoio che ospita le aule di udienza ma anche nelle adiacenze delle cancellerie civili e negli altri plessi della cittadella giudiziaria (Giudice di Pace e Sezione penale), sui quali sarà possibile visionare lo stato di chiamata dei fascicoli di causa per ogni Giudice. Nella seconda fase verrà creata una app installabile sul proprio smartphone tramite la quale gli avvocati potranno monitorare lo stato di chiamata della propria causa e riceveranno notifiche “allert” per l’approssimarsi del proprio turno. In un a terza ed ultima fase il Consiglio ha previsto di incrementare le funzioni dell’app inserendovi una interattività con il Giudice al fine di consentire l’invio di messaggi per eventuali problemi inerenti la partecipazione all’udienza e la possibilità di delegare un collega per l’udienza interessata con notifica automatica al Magistrato interessato.

Per la realizzazione del progetto è indispensabile l’autorizzazione del Tribunale prima e del Ministero della Giustizia poi, ed a tal fine sono stati avviati tutti i passi necessari. I tempi stimati per la messa in esecuzione sono di 60 giorni dall’autorizzazione ministeriale.

Appaiono evidenti gli effetti positivi sulla gestione delle udienze in quanto i tempi di attesa dinanzi alle aule di udienza saranno estremamente ridotti. Dopo una prima fase di sperimentazione il nuovo servizio della gestione delle udienze verrà necessariamente integrato nel protocollo per la disciplina delle udienze civili.

Pagine correlate: